FACCIATE CONTINUE: Nuova guida di prevenzione incendi

“Requisiti di sicurezza antincendio delle facciate negli edifici civiIi”- AGGIORNAMENTO.

Il Ministero ha emanato con la circolare N° 5043 del 15 Aprile 2013 la nuova guida tecnica antincendio sulle facciate continue. La guida, in sostituzione alla precedente, è sempre relativa agli edifici con altezza antincendio superiore a 12 Mt. La Lettera Circolare n. 5643 del 31.03.2010 riguardante l`oggetto. attraverso apposito allegato tecnico (Guida Tecnica) approvato dal Comitato Centrale Tecnico Scientifico per la Prevenzione Incendi nella seduta del 23 marzo2010. haaffrontato. per la prima volta in Italia. il tema connesso alla sicurezza antincendio delle facciate negli edifici civili.Lo stesso atto ha stabilito. inoltre. che. trascorsi due anni di sperimentazione. sulla base delle osservazioni ricevute dall’apposito gruppo di lavoro designato. il medesimo allegato sarebbe stato aggiornato.Viene quindi annessa la nuova Guida Tecnica (che sostituisce quindi la precedente) che. grazie ai contributi pervenuti dai Comandi VF dall’industria nazionale delle facciate e dai professionisti che si occupano specificatamente della materia. rappresenta oggi il migliore documento normativo nazionale nel settore specifico.In particolare.  gli aggiornamenti introdotti riguardano sia una più appropriata caratterizzazione tipologica delle facciate in relazione agli aspetti di sicurezza antincendio da garantire. sia una migliore impostazione formale del documento in relazione. soprattutto. alle specifiche caratteristiche prestazionali richieste.Inoltre. che. pur raccomandandone l`utilizzo. la nuova Guida Tecnica. anche in attesa di ulteriori sviluppi conoscitivi a livello europeo. continuerà a mantenere lo status di “Documento Volontario di Applicazione” e, come avvenuto per la precedente versione, essa sarà da intendere riferita agli edifici aventi altezza antincendio superiore a12 metri.E’ il caso. infine. di precisare che l`applicazione del medesimo documento normativo non esplica necessariamente gli effetti di indirizzo e coordinamento per l’applicazione della normativa in materia di salute e sicurezza secondo la definizione di cui all’art. 2. comma l. lettera z) del D.lgs.vo 81/2008 e s.m.i.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *